Cambio del ramo (repository) con pacman

From Manjaro Linux
Jump to: navigation, search

⇐ Torna alla Pagina Principale

Panoramica

Una delle molte caratteristiche che differenzia Manjaro dalle altre distribuzioni basate su ArchLinux è l'uso dei propri rami software dedicati, piuttosto che basarsi su quelli forniti dalla stessa ArchLinux. In pratica, per garantire continua stabilità e affidabilità, Manjaro utilizza tre rami distinti:

  • Stable: per tutti gli utenti che vogliono un sistema stabile, i pacchetti presenti nel ramo stable sono stati testati per circa due settimane dagli utenti dei repo unstable e testing. Di norma questi pacchetti sono affidabili.
  • Testing: questo ramo viene utilizzato da un buon numero di utenti, maggiore rispetto a quello degli utenti che usano il ramo unstable, gli utenti che utilizzano questo ramo permettono con i loro giudizi di correggere gli errori o avvertire gli utenti del ramo stable di alcuni accorgimenti necessari affinché l'aggiornamento successivo vada a buon fine. Solitamente i pacchetti stazionano in questo ramo per una o due settimane, un sistema basato sul ramo testing è mediamente stabile, occasionalmente può richiedere interventi da parte dell'utente in seguito agli aggiornamenti.
  • Unstable: i pacchetti di questo ramo vengono introdotti dopo circa tre giorni dal rispettivo rilascio in ArchLinux con le modifiche opportune per entrare in Manjaro. Gli utenti di unstable devono possedere ed utilizzare le proprie capacità tecniche ed il loro tempo, per risolvere i problemi che si presentano di volta in volta. Grazie ai riscontri provenienti dagli utenti di unstable, vengono scovati e risolti la maggior parte dei bug per il resto degli utenti di Manjaro. Un sistema basato sul ramo unstable non è in generale ritenuto stabile, possono capitare errori, anche gravi, in seguito all'aggiornamento dei pacchetti.
Nota: Si tenga presente che il ramo unstable proviene direttamente dal ramo stabile di Arch Linux.

Riassumendo, i pacchetti provenienti dai repository di ArchLinux sono testati nel ramo unstable; una volta sufficientemente stabilizzati, vengono passati al ramo testing, dove verranno sottoposti a test estensivi per essere così certi che possano passare al ramo stable.

Attenzione: Il software scaricato e installato dal ramo Testing per definizione, non è completamente testato, e potrebbe essere instabile.
Attenzione: Il software scaricato e installato dal ramo Unstable potrebbe danneggiare il sistema! Dovrebbe pertanto essere utilizzato dagli utenti più esperti e dai tester di Manjaro. Gli utenti meno esperti che desiderano passare ad un altro ramo dovrebbero considerare invece l'utilizzo del ramo testing.

Cambiare ramo (repository)

Suggerimento: Perché non ricoprire parte attiva nella comunità di Manjaro e diventare tester? È sufficiente mettere a conoscenza gli sviluppatori di Manjaro di eventuali problemi attraverso il forum internazionale.

Per accedere al ramo testing o a quello unstable, sono disponibili due metodi. Il primo fornisce una soluzione temporanea, nella quale la lista dei mirror viene ricompilata, il ramo tornerà a stable al primo aggiornamento che comporti una ricompilazione della lista dei mirror. La seconda soluzione sarà permanente ed il Gestore degli Aggiornamenti Grafico controllerà gli aggiornamenti dal ramo scelto, fino a che l'utente non decida di cambiare nuovamente ramo manualmente.

Metodo Temporaneo

Cambiare il ramo selezionato è abbastanza semplice. Si fa uso del comando pacman-mirrors per aggiornare i mirror al ramo desiderato. Eseguire i seguenti comandi nel terminale

sudo pacman-mirrors -g -b <branch>
sudo pacman -Syyuu
  • pacman-mirrors -g genererà una nuova lista dei mirror, ordinando i server in funzione dei rispettivi tempi di accesso.
    • -b <branch> istruisce pacman-mirrors ad usare in ramo (in inglese branch) specifico. I valori consentiti da sostituire a <branch> sono: stable, testing, unstable.
  • pacman -S sincronizzerà il database locale di pacchetti con quello remoto.
    • -yy forzerà l'aggiornamento del database locale dei pacchetti sul sistema, anche se risultasse già aggiornato.
    • -uu eseguirà l'aggiornamento dei pacchetti installati compresi eventuali downgrade (vedi sezione successiva).
Nota: Ricostruire la lista dei mirror, senza ulteriori opzioni, dopo aver eseguito il metodo sopra invertirà nuovamente a stable. Se si desidera una soluzione permanente, si consulti il metodo sottostante.

Metodo Permanente

Per cambiare permanentemente il ramo selezionato, occorre modificare il file di configurazione di pacman-mirrors che si trova in /etc/pacman-mirrors.conf con qualsiasi editor di testo a piacimento (ad esempio nano, vim, emacs, gedit, kate)

sudo <editor di testo> /etc/pacman-mirrors.conf

Per esempio, se si volesse usare nano per modificare il file, eseguire il seguente comando:

sudo nano /etc/pacman-mirrors.conf

Una volta aperto il file nell'edito di testo, cercare la seguente linea:

## Branch Pacman should use (stable, testing, unstable)
Branch=stable

Sostituire la parola stable (o quella presente al suo posto) con una delle seguenti: stable, testing, unstable.

Dopo aver modificato il valore, salvare semplicemente ed uscire dall'editor di testo, quindi ricostruire la lista dei mirror e procedere all'aggiornamento del sistema:

sudo pacman-mirrors -g
sudo pacman -Syyuu
Nota: È necessario aggiungere una u al comando, rispetto a prima; questo permette di passare a versioni precedenti dei pacchetti, per esempio quando si aggiorna dopo essere passati da testing a stable.

Ovviamente questo procedimento si può eseguire in qualsiasi direzione, per passare da stable a testing/unstable o viceversa, è sufficiente sostituire all'interno del file il termine relativo al ramo desiderato.

Voci correlate